Ho avuto un incidente stradale, un sinistro, cosa fare?

Puo’ sembrare paradossale, ma, fin dall’inizio è bene pensare alla conclusione della futura vertenza tenendo presente un aspetto: una volta firmata la quietanza con cui si accetta la liquidazione del danno dalla Compagnia Assicurativa, apparentemente congrua, non si può più tornare indietro, chiudendo definitivamente la vertenza così perdendo, migliaia, e nei casi più gravi, decine di migliaia di euro rispetto a un equo e adeguato risarcimento a cui si avrebbe diritto. Pertanto, è necessario, fin dalle prime battute del sinistro, da quello semplice fino al mortale, affidarsi ad un Legale esperto nel settore che possa validamente contrapporsi, con tenacia e determinazione, al “colosso Assicurativo dalle spalle larghe” conoscendo la normativa, i termini di prescrizione e la tempistica da rispettare per ottenere un celere risarcimento, valutando il sinistro in punto di responsabilità (an debeatur) e quantificando il danno secondo precise tabelle medico-legali (quantum debeatur), stabilendo tutte le voci di danno da richiedere per ottenere l’offerta più congrua, analizzando la necessità di interessare l’organismo di Vigilanza affinchè sanzioni la compagnia in caso di mala gestio del sinistro, chiedendo l’accesso agli atti, determinando l’opportunità o meno di cercare una soluzione transattiva stragiudiziale e, in ultima analisi e se più vantaggiosa, giudiziale.